Viaggio nell'Italia di Goethe, dal lago di Garda a Taormina
di Francesca Spanò
Per chi vuole scoprire l’Italia evitando il clima dell’inverno e dell’estate specie al centro ed al sud, uno degli itinerari più interessanti segue le orme di un poeta e drammaturgo innamorato della nostra Penisola, che l’ha attraversata fino alla punta più estrema: Johann Wolfgang von Goethe.
 
 

In almeno una settimana, o anche di più per chi ne ha la possibilità, si può amare lo Stivale come ha fatto lo scrittore tedesco. La sua vita era piena di impegni, ma nel tempo maturò l’idea di partire e godere del meglio delle nostre regioni, muovendosi da solo nel mezzo della notte. Da qui ne nacque il resoconto dal titolo Die italienische Reise (Viaggio in Italia). Un tour a tema può partire da Verona e Venezia, spostandosi via via verso Roma. E, ancora, godendo delle bellezze di Napoli e della Sicilia.

Molti i luoghi che lo affascinarono particolarmente, come Torbole, sul Lago di Garda considerato “un magnifico prodotto della natura” o la stessa Capitale, «A Roma ho trovato me stesso per la prima volta». A Napoli, invece, buona idea è salire sul Vesuvio, che chiamava «una cima d’inferno che si erge nel mezzo del paradiso». In Sicilia, il suo giro comprese Taormina con il suo teatro greco, con lo sfondo dell’Etna, i villaggi sotto il vulcano e poi Palermo con i Giardini Botanici, la cattedrale medievale di Monreale con i suoi mosaici bizantini e, ancora, Catania e i vari panorami differenti che si incontrano lungo la strada. Regioni differenti, ma tutte cariche di tesori paesaggistici e testimonianze antiche da non perdere.
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
In viaggio nell'Italia di Goethe
Planisfero
Fotogallery