Le spiagge segrete di Amalfi dove rifugiarsi anche in autunno
di Francesca Spanò
Ogni periodo dell’anno ha una sua magia unica e quando gli ombrelloni diminuiscono sensibilmente dai lidi e i bagnanti lasciano le sdraio per improvvisarsi turisti curiosi, può essere tempo di godere del mare in tutta tranquillità. Senza caos e alla ricerca di un raggio di sole magari più timido, ma sempre intenso. Adesso è il momento giusto per scoprire, ad esempio, le spiagge segrete di Amalfi, prevedendo un giro tra luoghi di villeggiatura molto celebri ma di solito affollatissimi.
 
 


Un sogno blu nella Costiera Amalfitana
 

I suoi scorci da cartolina conquistano da decenni le star a livello internazionale e i visitatori giungono da ogni parte del globo, eppure non tutti ne conoscono gli angoli nascosti. Sono diverse, infatti, le spiaggette segrete ma accessibili che, però, si possono scoprire quasi esclusivamente via mare. Il tour lascia senza fiato per le acque cristalline che si incontrano e uno dei modi più semplici per trovarle è prendere parte alle escursioni promosse dall’Hotel Santa Caterina di Amalfi, che accompagna i suoi ospiti verso questi piccoli paradisi inesplorati.

 Spiagge incantevoli e non convenzionali da scoprire
 
Santa Croce: prende il nome dalla cappella che vi si trovava in passato. Oggi se ne possono osservare i resti, mentre nulla o quasi c’è della vecchia rampa di scale che una volta permetteva di raggiungerla. Partiva dalla strada statale, fin quando una frana l’ha irrimediabilmente danneggiata e adesso è accessibile solo via mare. In zona, comunque, si trovano ben due stabilimenti balneari con sdraio e lettini, ma il sole bacia l’area solo fino alle prime ore del pomeriggio.
 
‘O Rarone: vi si arriva in barca dalla spiaggia di Santa Croce e appare subito caratteristica per la presenza di ciottoli. Si possono noleggiare sdraio e lettini, il mare è turchese ed ha una peculiarità molto romantica: la presenza dell’Arco degli Innamorati. In roccia naturale, è al centro di una tradizione molto sentita. Qui, le coppie di passaggio devono scambiarsi un bacio come pegno al passaggio per assicurarsi una relazione lunga e felice.    
 
Duoglio: l’accesso è doppio ma, in entrambi i casi, l’avventura non è risparmiata. Vi si può arrivare tramite ben 400 scalini o preferire l’opzione mare,  a questo punto più comoda. La spiaggia è grande, ma non mancano due lidi di cui uno col ristorante.  
 
Le Marinelle: accessibile dal mare è lontana dal caos e carica di privacy. Non ci sono lidi e il sole è forte solo fino a ora di pranzo.
 
Le Sirene: più facile da conquistare, si trova dietro il braccio del porto di Amalfi ed è più conosciuta. In questo modo diventa indicata soprattutto per le famiglie con bambini.
 
Per chi non opta per un mezzo privato, è possibile prendere parte alle escursioni in barca dell’Hotel Santa Caterina di Amalfi, dove è incantevole anche la permanenza. Il Beach Club dell’Hotel si raggiunge attraverso due ascensori scavati nella roccia o tramite un sentiero verde. Costruito a picco sul mare, vanta 36 camere di tipologia standard, superior e deluxe e 13 tra junior suite, executive junior suite, suite e senior deluxe suite che si trovano nell'edificio principale. Inoltre, tra le Garden Suite, le dépendances “Villa Santa Caterina” e la “Villa il Rosso” nel lussureggiante parco si contano altre 17 camere e suite. E, ancora, una palestra e una Spa con trattamenti di livello.
 
 Photo Credit: Ufficio Stampa 






 
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Le spiagge segrete di Amalfi dove rifugiarsi anche in autunno
Planisfero
Fotogallery