San Francisco “low cost”: come godersi il sole della California senza spendere una fortuna
di Sabrina Quartieri
Golden Gate Bridge (foto di San Francisco Travel Association)
È stravagante, insolita e non proprio alla portata di tutte le tasche. Per i viaggiatori d’affari, addirittura, secondo quanto riporta la rivista “Business Travel News” che ha confrontato i prezzi di hotel, ristoranti e noleggio auto di cento città americane, San Francisco sarebbe la metropoli più cara degli Stati Uniti. Ma per chi sogna da sempre di vederla e si prepara a inserirla come tappa di un indimenticabile tour in California, un modo per visitarla senza spendere una fortuna c’è: basta seguire alcuni accorgimenti, a partire dall’alloggio, e segnare in agenda tutte le attività e attrazioni gratuite che vengono offerte.
 
 
DOVE DORMIRE
 
Se si hanno pochi dollari a disposizione, la prima cosa da fare è cercare una sistemazione economica, soprattutto se si intende rimanere in città diversi giorni. A San Francisco, il luogo più indicato per scovare un hotel “low cost” è senza dubbio Union Square. Ovvero, il quartier generale degli alloggi che costano non più di 80 euro a notte. Se poi si è giovani, o comunque abituati a pernottare in strutture pulite ma semplici, il consiglio è quello di prenotare un ostello, dove si pagano 30 dollari al giorno.
 
 
LE VISITE DA NON PERDERE
 
Impossibile lasciare San Francisco senza aver dato un’occhiata da vicino al Golden Gate Bridge, il ponte sospeso che regala una delle passeggiate più affascinanti e suggestive del mondo. L’unica cosa da decidere, prima di varcarne l’ingresso, è se affrontare il tragitto a piedi o in sella a una bicicletta. Ancora, per gli amanti della street art, il posto giusto in città è Mission District, un luogo ricco di coloratissimi murales di ogni genere e stile, da quelli a tema politico o di denuncia sociale, fino ai grandi disegni astratti. Gli appassionati di arte invece saranno felici di sapere che molti musei sono low cost o, addirittura, ad ingresso gratuito. Il “Fisherman’s Wharf” ad esempio, che ospita sia il “Musée Mécanique” con più di 200 strumenti musicali antichi, che il “San Francisco Maritime Museum”, permette di entrare senza pagare il biglietto. Altri spazi espositivi invece sono gratis solo durante alcuni giorni della settimana, come il “Museum of Craft and Design” e il “De Young Museum”, che con la sua “Hamon Observation Tower” offre un incredibile panorama. Restando agli scenari da cartolina, una cosa da fare per portare a casa un bello scatto della famosissima baia, è assistere a una partita di baseball dei San Francisco Giants, per poter raggiungere il Portwalk dell’“AT&T Park”. Questo tratto consente di costeggiare il muro esterno del campo da gioco, un affaccio sul mare davvero mozzafiato. Infine, sono gratuite anche alcune attrazioni del “PIER 39”. Imperdibile, lo spettacolo dei leoni marini rilassati al sole.
 
 
 
I FESTIVAL DA SEGNARE IN AGENDA
 
La musica a San Francisco è protagonista di manifestazioni in ogni periodo dell’anno: gli appuntamenti da non mancare per chi viaggia low budget sono al Golden Gate Park, quando ospita “The Hardly Strictly Bluegrass Festival”, un concentrato di live su sette palchi con più di 100 artisti; oppure, sempre nella stessa location, lo “Stern Grove Festival”, anch’esso ad ingresso libero, in programma ogni domenica durante tutta l’estate. Infine, se oltre alla musica si ama anche il gourmet, l’evento giusto è il “North Beach Festival”, una kermesse all'insegna del divertimento, del buon cibo e dei concerti di qualità.
 
 
PASS PER LE ATTRAZIONI E PER I TRASPORTI
 
Una soluzione a buon mercato per visitare tutto ciò che la città ha da offrire, è  il CityPASS o Go Card San Francisco. Basterà infatti presentarlo all’ingresso dei luoghi di interesse coinvolti, per avere l’accesso automatico. Tra le tappe gratuite previste, ci sono la “California Academy of Sciences” e l’“Aquarium of the Bay”. Con il pass inoltre, si potrà salire a bordo di un’imbarcazione e partecipare a una mini-crociera nella baia californiana. I vantaggi riguardano anche i mezzi di trasporto: la card infatti permette di muoversi in città con i Muni bus e i famosi cable car senza spese extra. Il Go Card poi offre al turista l’opportunità di scegliere quali attrazioni visitare tra le oltre 25 previste, come il “San Francisco Museum of Modern Art”, l’“AT&T Park Tour” e il “San Francisco Dungeon”. Infine, si potranno anche sperimentare alcuni tour che conducono al famoso parco Muir Woods e nella regione dei vini.
 
 
 
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Planisfero
Fotogallery