Strage del viadotto, i familiari dopo l'assoluzione di Castellucci: venduti, vergogna, non è giustizia
«Vergogna, questa non è giustizia». ​«Venduti!», «infami». Rabbia e grida nell'aula del tribunale di Avellino da parte dei familiari delle 40 vittime del bus finito nella scarpata della A16 nel 2013, dopo la lettura della sentenza che assolve Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Autostrade per l'Italia, la società che gestiva il tratto dove è avvenuto l'incidente. Per Castellucci la procura aveva chiesto una condanna a 10 anni di reclusione. Nella strage del bus caduto dal viadotto Acqualonga sulla tratta Napoli-Canosa, tra Nola e Avellino, avvenuta il 28 luglio 2013 hanno perso la vita 40 persone. 

LEGGI ANCHE Assolto ad di Autostrade Castellucci
 


«Castellucci è un assassino, state mettendo fuori un assassino», hanno urlato i parenti delle vittime ripetendo più volte il numero «83», la somma delle vittime della strage di Monteforte Irpino e di quella del crollo del Ponte Morandi a Genova.

«Castellucci è un assassino, hanno messo fuori un assassino», ha detto uno dei parenti delle vittime presenti in aula, dove poco dopo la lettura del dispositivo della sentenza di primo grado da parte del giudice è scoppiata la rabbia dei parenti, con urla e proteste contro Castellucci. «Giudice esci», ha gridato uno dei presenti.
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Planisfero
Fotogallery