La Bolivia ha una donna presidente: la senatrice Jeanine Áñez, avvocato ed ex conduttrice tv
La Bolivia ha una donna presidente: la senatrice Jeanine Áñez, avvocato ed ex conduttrice tv
Per la seconda volta la Bolivia ha un presidente donna. La senatrice di opposizione Jeanine Áñez si è autoproclamata presidente della Bolivia prendendo il posto che è stato per più di 13 anni di Evo Morales, costretto a dimettersi su pressione dell’esercito domenica scorsa. Añez , 52 anni, un'attivista per i diritti delle donne avvovato ed ex conduttrice televisiva, ha assunto la carica di presidente ad interim anche se le è mancato il quorum in aula dopo che il partito di Morales ha boicottato la sessione e non ha prestato il giuramento di rito prima di apparire sul balcone del vecchio palazzo presidenziale indossando la fascia che spetta al capo dello Stato boliviano. «Il mio impegno è di restituire democrazia e tranquillità al paese», ha detto. «Non potranno mai più rubare il nostro voto».


​Bolivia nel caos, Evo Morales si dimette ma non lascia il suo paese


A seguito delle dimissioni delle principali cariche istituzionali del paese, e in quanto vicepresidente del Senato, Áñez era stata individuata come la persona che sarebbe dovuta diventare presidente ad interim e guidare la Bolivia verso nuove elezioni. La sua nomina è stata però molto contestata ed è stata definita da Morales, che da giovedì si trova in Messico, come un «il golpe più subdolo e nefasto della storia». 

Bolivia, Papa Francesco:
 

Áñez ha detto: «Di fronte all’assenza definitiva del presidente e del vicepresidente, come stabilisce la Costituzione, come presidente del Senato, assumo immediatamente la presidenza dello stato prevista dall’ordine costituzionale e mi impegno ad adottare tutte le misure necessarie per pacificare il paese». Áñez era diventata presidente del Senato dopo le dimissioni di Adriana Salvatierra, anche lei del partito di Morales. É la seconda donna a diventare presidente della Bolivia, dopo Lidia Gueiler, che rimase a capo del governo per soli 244 giorni tra il 1979 e il 1980.

Añez è originaria della città di Trinidad, nella provincia di Beni, avvocato, dal 2006 al 2008 è stata membro dell’Assemblea costituente incaricata di scrivere la nuova Costituzione. Poi è stata senatrice per il dipartimento nord-orientale di Beni con il partito di destra Plan Progreso para Bolivia–Convergencia Nacional, che all’epoca rappresentava la principale forza politica di opposizione del Paese. Nel 2014, dopo il suo scioglimento, è passata al Movimiento Demócrata Social, proseguendo l’ascesa politica che l’ha portata prima ad assumere l’incarico di vicepresidente del Senato. Negli ultimi anni è stata molto critica con Morales, soprattutto verso l’intenzione dell’ex presidente di ottenere un quarto mandato presidenziale nonostante la Costituzione ne prevedesse un massimo di due.

Anche se la tensione nelle strade della Bolivia è diminuita nelle ultime ore, i settori vicini a Morales (militanti del Mas, sindacati, minatori del settore pubblico, insegnanti rurali e contadini del Tropico di Cochabamba) sono sempre sul piede di guerra e decisi a dare battaglia ad un potere che considerano anticostituzionale. Polizia e militari sono dovuti intervenire in forza nel dipartimento di Santa Cruz, dove sostenitori dell'ex capo dello Stato avevano occupato l'intero municipio di Yapacan. E gli Stati Uniti hanno chiesto ai familiari dei dipendenti di rappresentanze diplomatiche e imprese di abbandonare il Paese. Il Brasile riconosce il nuovo presidente.

Bolivia, scontri dopo l'annuncio della vittoria elettorale di Morales

 



 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Planisfero
Fotogallery