Paese che vai, mercatino che trovi. Giro d'Europa di Natale
di Anna Franco
L'avvento a Steyr, in Austria
E' una tradizione, una gioia per occhi e palato, ma inevitabilmente i mercatini di Natale stanno diventando sempre più una moda e, come tale, stanno perdendo il loro carattere genuino per diventare un appuntamento un po' troppo pianificato a tavolino. Il giro tra le bancarelle è, sì, diventato un’usanza come un’altra, da consumare nei giorni dell’avvento come in quelli di festa si mangia il torrone, ma mantiene un fascino fatto di suoni, colori e sapori in grado di far tornare bambini. Il primo Christkindlmarkt (letteralmente mercato di Gesù Bambino) del quale si abbia memoria sembra sia lo Striezelmarket di Dresda, dove per strada sono allestite rappresentazioni della natività e dove si gustano biscotti e piccoli spazzacamini di prugne secche. Sempre in Germania, a Gengenbach, sulla facciata del municipio è acceso il più grande calendario dell’avvento del mondo. A Ludwigsburg il tutto si svolge nell'omonimo castello barocco, che si illumina dei tanti chioschi e si veste di magia. Addobbata completamente a festa anche Monaco di Baviera, con numerosi mercatini. Da non perdere l'albero di Natale altro 30 m, che risplende grazie a ben duemilacinquecento candele, così come il mercatino del presepe in Neuhauser Strasse. D'obbligo, invece, a Lipsia, un giro sulla ruota panoramica, che si affaccia sul Municipio medievale della città.



A Malmö, in Svezia, invece, lo shopping natalizio ha il sapore di glögg e di lussekatter (rispettivamente bevanda riscaldante e dolci di Santa Lucia). Il glögg riscalda animi e corpi anche a Stoccolma, dove si gusta col pan di zenzero. Sempre in Svezia, buoni acquisti di artigianato si possono fare a Göteborg. Questo mercatino ha un'altra caratteristica: rimane aperto fino al 6 gennaio, come raramente accade in Europa, dove spesso l'ultima data è il 23 dicembre.



A Praga i mercatini natalizi si chiamano vánoční, si svolgono nella piazza della città vecchia e di Venceslao e giocattoli di legno e cristalli di Boemia sono esposti in stand di legno coloratissimi. tanti gli addobbi da poter ammirare e comprare, insieme a candele e burattini.



Riavvicinandoci ai nostri confini, in Austria il periodo dell'Avvento è vissuto con riti, sapori e magie speciali, che creano un'atmosfera unica. Le vie risplendono alla luce delle illuminazioni natalizie e le piazze si trasformano in luoghi diversi dal solito, dove la festa si percepisce totalmente e con ogni senso. Partendo dalla capitale, il mercatino più particolare è forse quello che si svolge nel Quartiere Spittelberg, alle spalle del MuseumsQuartier. I vicoli sono stretti, le case sono basse e datate tra il Settecento e l'Ottocento, brevi salite fanno respirare un'aria frizzante. Proprio qui sono allestiti piccoli stand con artigianato artistico e proposte gastronomiche. Festa anche nel cortile del MuseumsQuartier, che viene illuminato nel tardo e in sei padiglioni di ghiaccio vengono forniti cibi e bevande.



Addirittura dodici sono i mercatini che si svolgono a Graz e collegati da un trenino che permette di raggiungerli al caldo e comodamente. I bambini adoreranno la piazza Karmeliterplatz, con tante attrazioni per loro, mentre per gli sportivi non mancano le piste di pattinaggio su ghiaccio. Innsbruck ha come sfondo ai suoi romantici mercatini le vette innevati delle Alpi e proprio qui esiste un mercatino panoramico. Con il nuovo impianto Hungerburgbahn, già il tragitto per raggiungerlo sarà indimenticabile. Una volta arrivati in quota, si rimane incantati dalla stupenda vista sulla città e dalle mille squisitezze e souvenir natalizi. Nel centro storico si visitano il mercatino davanti al Tettuccio d’Oro, il simbolo della Città, quello lungo l’elegante via Maria Theresien Strasse e quello sulla piazza Marktplatz con al centro un albero di Natale decorato con migliaia di scintillanti cristalli Swarovski.



Non solo le grandi città, però, si vestono a festa. In Austria, le piccole città storiche rinnovano le loro tradizioni accendendosi di luci e colori. La più natalizia è Steyr (Alta Austria) che possiede un santuario dedicato a Gesù Bambino e uno speciale ufficio postale. Da vedere anche il museo delle decorazioni natalizie con più di 15mila pezzi di cui diversi che risalgono alla prima metà dell’Ottocento. Sempre in Alta Austria, a Bad Ischl, l’Avvento ha il profumo dei dolci che si preparano nelle rinomate pasticcerie. A Schärding si assiste alla sfilata delle Perchten, spaventose maschere che secondo la tradizione scacciano l’inverno, a Gmunden l’atmosfera si fa magica sotto ai portici del castello di Orth che ospita il mercato dell’Avvento dove comprare la ceramica locale.



Se l'idea ha di visitare questi piccoli mercatini è accattivante, c'è un'interessante offerta in corso. I voucher delle piccole città storiche sono validi in più di quaranta alberghi e sono disponibili a partire da 39 euro. Per prenotarli basta telefonare (0043 6132240 000) o scrivere una mail (office@salzkammergut.co.at) a Salzkammergut Touristik.



In Svizzera, infine, c'è un profondo ed emozionante mix di odori, sapori, decori e giocattoli. A Einsiedeln, nella piazza principale, centotrenta bancarelle offrono tanti prodotti gastronomici. A Zurigo il cielo di sera risplende per i fuochi d'artificio e per le luminarie, ma soprattutto qui le bancarelle sono indoor, per la precisione nella stazione centrale e gioielli Swarovski fanno brillare un grande albero. A Berna, infine, nella Waisenhausplatz sono in vendita fiori secchi, oggetti in legno e fiori profuati, oltre che sidro caldo e caramelle.
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Paese che vai, mercatino che trovi. Giro d'Europa di Natale
Planisfero
Fotogallery