In Catalogna per il Gran Premio di Spagna
Per gli appassionati di motori il Gran Premio di Spagna in scena quest’anno il 9, 10 e 11 maggio sullo spettacolare circuito di Barcelona-Catalunya non è solo la prima gara europea del campionato mondiale di Formula Uno. Il Gran Premio di Spagna è uno degli appuntamenti clou, perché permette di godere una vista ottimale su tutto il tracciato per non perdere indimenticabili momenti di velocità e azione grazie ai cambi di pendenza del circuito.



Sebbene caratterizzato da un manto stradale particolarmente ondulato, il circuito è uno dei maggiormente apprezzati dai piloti per la sua articolazione e per i rettilinei che «chiudono» con curve sufficientemente ampie e veloci. Il rettilineo di partenza e d’arrivo è il più lungo in assoluto del campionato mondiale di Formula 1, e consente di raggiungere punte di 320 km orari. Usciti dalla griglia di partenza, i piloti al termine del lunghissimo rettilineo affrontano la curva Elf, leggermente in salita. La curva Seat è forse la più lenta, con le macchine costrette ad affrontarla a 75 km orari.



Il Circuito Catalunya si trova a una ventina di chilometri a nord-est del centro di Barcellona nella cittadina di Montmelo. Tre i tracciati esistenti: il circuito del Gran Premio di 4.655 metri, il circuito Nacional di 3.067 metri, e il circuito dell’Escuela di 1.703 metri. La pista che ospita il Gran Premio di Spagna viene percorsa in senso orario e come gli altri due fa parte di un impianto di recente costruzione; nei sessantacinque giri di gara le vetture coprono una distanza complessiva di circa 307 km.



Non tutti sanno che sul circuito che ospita le gare di Formula Uno e Moto GP, quando non ci sono le gare, si può fare per tutto l’anno una visita guidata, compresa la zona dei boxes, il paddock e la foto-ricordo sul podio. Consigliabile anche un giro nei dintorni della capitale catalana, dalle spiagge del Maresme alle colline del Penedès. E una sosta alla vicina Colonia Guell, per scoprire le architetture moderniste dell’architetto spagnolo Antoni Gaudí.



Biglietti: da 55 euro (venerdì ) a 789 euro (tre giorni)



COME ARRIVARE



In treno

Dalle stazioni di Barcelona Sants, Passeig de Gràcia o Clot fino alla stazione Montmelo, la più vicina al circuito Catalunya della gara di F1. Il tragitto dura 31 minuti, il biglietto costa 2,20 euro. Poi nei giorni del Gran Premio c’è il bus navetta dalla stazione ferroviaria al circuito Catalunya gratuito per chi ha i biglietti per il circuito.



In Bus

C’è anche un servizio autobus speciale per il trasferimento degli spettatori del GP dal centro di Barcellona alla sede della gara al Circuit de Catalunya gestito dalla compagnia di autobus Sagalés.



In auto

Per chi sceglie l’automobile ci sono 32mila posti auto al Circuit de Catalunya. Il parcheggio è nelle immediate vicinanze della pista, in un’area di oltre 4 km. Quindi il consiglio è di parcheggiare l’auto il più vicina possibile al posto a sedere.



INFO

Circuit de Catalunya
Mas «La Moreneta», www.circuitcat.com



Catalan Tourist Board, www.catalunya.com
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Planisfero
Fotogallery