Scoprire la Londra di Mary Poppins, a cinquant'anni dal film sulla tata Disney
di Francesca Spanò
La tata perfetta, la donna con il sorriso stampato sulle labbra e la soluzione a tutti i problemi del quotidiano, ma con un carattere fermo e deciso.

Con la sua voce d’usignolo ha insegnato a milioni di bambini (e adulti) che, a volte, la vita va affrontata con leggerezza ma sempre di petto, ricordandosi ogni giorno di essere felici. Mary Poppins resta un mito assoluto, ormai da mezzo secolo e in occasione del 50esimo anniversario dell’uscita del film Disney che ne ha decretato il successo, è possibile organizzare un tour alla scoperta dei luoghi della protagonista dei romanzi di Pamela Lyndon Travers.



Mary Poppins, interpretato dalla splendida Julie Andrews, non si sa da quale meraviglioso mondo arrivi, ma quel che è certo è che la sua storia con la famiglia Banks si svolge a Londra. Tra le stanze di una dimora di lusso (ma pure attraverso incredibili avventure all’aperto), riesce in poche settimane a cambiare la vita di due bambini, simpatici e monelli e a riunire una famiglia troppo presa da lavoro e impegni vari. E’ d’obbligo precisare, però, che per girare la pellicola il set fu quasi del tutto ricostruito negli studi di Burbank in California. E’ facile comunque ritrovare i posti simbolo tra le vie e le principali attrazioni e monumenti londinesi.



Tour di Mary Poppins



• L’itinerario londinese può iniziare dalla St Paul’s Cathedral, che spesso si vede sullo sfondo durante le riprese. Qui era seduta la simpatica vecchina che dava da mangiare ai piccioni, nella seconda parte della storia.



• L’Admiral Boom’s era la casa dalla quale con il cannone veniva indicata l’ora esatta, dall’omonimo Ammiraglio . Secondo una leggenda metropolitana, dovrebbe trovarsi a Nord della città. Per l’occasione, vale la pena di prevedere un giro nel quartiere di Hampstead Village, alla ricerca di un palazzo che possa almeno essere somigliante.



• All’inizio del film, il co-protagonista Bert dipinge dei quadri vicino ad un parco. L’area in questione è facile da ritrovare: si tratta del Regent’s Park, il cui ingresso ha ispirato i creatori del lungometraggio.



• Chi ama Mary Poppins, comunque, ha probabilmente solo un pensiero: cercare il mitico Viale dei Ciliegi, la casa dove la tata viene assunta. Per la precisione al numero 17. Cherry Tree Lane, si può vedere a Kesington Square, nel quartiere di Kesington. Tutte le abitazioni sono simili a quella che non era però una dimora reale, ma ricreata per esigenze di copione.



• Il Palazzo di Westminster con il Big Ben che si vede sullo sfondo mentre si sposta guidata dal suo ombrello magico, in quel di Londra è anche il simbolo locale, quindi imperdibile.



• La scena degli spazzacamini, invece, regala l’idea di quanto ci si possa divertire sui tetti di Londra, osservando dei panorami spettacolari. In questo caso è facile, basta visitare i Kesington Roof Gardens per ritrovarsi in una realtà del tutto simile.



• Altra location che si nota ovunque è la Banca di Inghilterra, dove lavorava il signor Banks.



• Quando i due bambini si perdono, prima dell’arrivo della nuova tata, il padre dei piccoli fa pubblicare un annuncio sul Times, la cui sede è proprio in città.





Qualche curiosità sul film



• Mary Poppins è ambientato nell’era Edwardiana, ma l’idea originaria era quella di legare il film agli anni Trenta.



• All’inizio per il ruolo principale erano stata scelte star come Bette Davis e Angela Landsbury



• Dick Van Dyke, che interpreta Bert il grande amico di Mary Poppins, in realtà vestiva anche i panni di Mr-Dawes Senion, l’anziano banchiere che tanto spaventa il figlio del Signor Banks.



• Nel libro, la mamma di Michael e Jane non è una suffraggetta



• Dike Van Dycke non aveva mai ballato prima di quel film, che lo rese noto anche come bizzarro ballerino.



• Fra Walt Disney e l’autrice del libro su Mary Poppins, all’inizio, non correva buon sangue.
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Planisfero
Fotogallery