Oman: la Svizzera del Medio Oriente
di Valentina Venturi
Muscat
«Kaifa haluka? - Come stai?». Questa domanda in Oman viene posta di continuo. La gentilezza e la premura verso il visitatore sono all’ordine del giorno e in segno di benvenuto nelle case si offre una piccola tazza di caffè profumato all’acqua di rosa e al cardamomo e datteri freschi. Qui tutto è a misura d’uomo, tanto che mancano i tipici grattacieli che sfiorano il cielo e definiscono lo skyline dei paesi arabi. Il sultano Qaboos bin Said al Said ha stabilito che gli edifici non siano più alti di 90 metri (sette piani), per non superare in altezza i minareti (splendida la Grande moschea del sultano Qabus), e lasciare che l’architettura tradizionale si imponga nella visione d’insieme. Tradizione, pulizia e sicurezza ovunque: non a caso l’Oman è soprannominato la Svizzera del Medio Oriente. Per respirare un tocco di Oriente sui generis, ecco cinque tappe da tenere a mente.
 
 

1 - Lusso tra acqua, deserto e montagna. Per un assaggio dei diversi panorami che offre l’Oman c’è un trittico di resort di super lusso. Nello “Shangri-La Barr Al Jissah”, in una baia riparata di fronte al golfo dell’Oman, si fa amicizia con le tartarughe: ogni anno, circa 100 “Caretta caretta” fanno ritorno alla spiaggia per deporre le uova. Il deserto è da vivere trascorrendo una notte nel resort “Desert Nights Camp”, nell’oasi nel deserto dorato di Wahiba. Qui i bungalow in stile beduino sono circondati solo dalla sabbia color cipria e dal cielo stellato: la torcia in dotazione nella suite acquista senso! Infine la montagna. Salite le vette della Jabal Al Akhdar (Montagna Verde con più di 3000m d’altitudine), e raggiungete l’hotel Anantara Jabal Al Akhdar. Si tratta di un resort da mille e una notte a 5 stelle affacciato a 2.000 metri sul massiccio di Hajar: si fanno escursioni, trekking e ferrate, o ci si lascia cullare dalla piscina a sfioro affacciata sull’abisso di roccia. Il servizio è al top tanto che si vocifera vi abbiano soggiornato François Hollande e Silvio Berlusconi.

2 - Amouage vuol dire Onda. Nella capitale Mascate esiste “il profumo più prezioso al mondo”. Creato dal naso “nez français” Guy Robert, Amouage contiene più di 100 essenze tra cui il famoso incenso del Dhofar. Nato per volere del sultano, nelle essenze, tutte naturali, si sprigionano vere e proprie ondate di spezie omanite. Le confezioni sono in oro 24 carati, argento e pietre semi-preziose e se nel tappo il packaging for men richiama l’elsa del khanjar (il tradizionale pugnale), per la donna si rifà alla moschea del sultano. I prezzi? Un flacone da 50ml, con il tappo ricoperto di oro 24 carati costa almeno 280 euro.

3 - W l’opera. La Royal Opera House si trova a Mascate, capitale e prima città della penisola arabica a possederne una. Anche in questo caso è stato il Sultano a volerla, in quanto grande appassionato di musica; inaugurata nell’ottobre 2011 da una “Turandot" firmata Zeffirelli, vanta un’orchestra di 120 elementi e sarà diretta fino al 2020 dall’italiano Umberto Fanni. On stage una “Traviata" che da meretrice diventa malata per ragioni di decoro, ma anche danza, jazz e musical. Tocco finale: ogni posto a sedere ha uno schermo ad personam che riproduce i sottotitoli in arabo.

4 -  Fish Pedicure gratuita. Anche gli omaniti a bordo dei loro suv fanno le classiche gite fuori porta andando a rinfrescarsi e rilassarsi immersi nella natura. È quello che succede nei Wadi, dei veri e propri canyon (in tutto sono 60), più o meno profondi e alla cui base scorre un fiume. Qui si possono fare picnic, escursioni, canyoning e persino scalate. Tra i 60 Wadi il Bani Khalid oltre a offrire un panorama unico, regala la fish pedicure gratuita.

5 - Buca! In Oman c’è anche spazio per i campi da golf. Mascate ne ospita ben tre green da 18 buche e il Ghala Valley Golf Course è uno dei più nuovi. Offre ai giocatori la possibilità di giocare in un’ambiente unico: ci si trova all’interno di un wadi, il cui corso segue i suoi contorni naturali. 

Info utili 
Il sito del Ministero del Turismo
: https://www.experienceoman.om/ 
Linea aerea: Oman Air, nominata “Miglior compagnia aerea del Medio Oriente” ai World Travel Awards -  https://www.omanair.com/en/
Guida locale: Arabian Experience - http://arabianexperience.com/
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Oman: la Svizzera del Medio Oriente
Planisfero
Fotogallery