Sembra un quadro eppure è un fiume colombiano: la magia del Caño Cristales
di Francesca Spanò
L’impressione è che sia un’enorme tavolozza di colori ben distribuiti, intervallati da spruzzi di sfumature più intense. E quelle chiazze accese si muovono attraverso un corso d’acqua che è tra i più famosi e splendidi che la memoria umana conosca. Si tratta di Caño Cristales, un fiume della Sierra de la Macarena, in Colombia, nel comune omonimo nel dipartimento di Meta.
 
 

Una zona ricca di storia

Questo tratto di Paese per molto tempo è stato protetto dalla curiosità dei turisti per via della sua discreta pericolosità. Vi si trovavano i rivoluzionari guerriglieri Farc con i loro traffici illeciti, ma oggi è diventato invece un tour imperdibile se ci si trova in zona. L’accessibilità, infatti, è stata garantita a partire dal 2009.

Perché il fiume assume queste tonalità?

In fondo alle acque si trovano delle particolari alghe, in grado di regalare l’incredibile spettacolo. Non succede sempre però, ma in specifici giorni dell’anno. In prevalenza si “accende” di rosso, giallo, verde e blu. Se nella maggior parte dei mesi l’acqua resta cristallina e si formano invece rocce e muschi, con la bella stagione, questa si abbassa e il sole riscalda le alghe fino a farle colorare soprattutto di rosso, viola e verde brillante.
 
Il Caño Cristales
 
Le misure del fiume sono piuttosto esigue e non superano i 100 km di lunghezza ed i 20 di larghezza. Il nome deriva dalla tradizione linguistica locale e chi lo raggiunge si trova davanti a piccole cascate, rapide, acque trasparenti che piano piano si colorano.
 
Il fiume arcobaleno, il più bello del mondo
 
Nel corso della bella stagione le alghe iniziano a regalare il meglio di sé, soprattutto grazie alla presenza della macarenias clavígeras, responsabile del rosso. Alla fine del suo corso il canale si getta nel fiume Guyabero, ma non prima di aver attraversato il Parco Nazionale Serrania de la Macarena.
 
Una zona carica di biodiversità

 
Nell’area del Caño Cristales si trovano almeno 420 specie di uccelli, 10 di anfibi, 43 di rettili e 8 di primati. A sorpresa, invece, mancano quasi del tutto i pesci.
 
Quando vedere l’”arcobaleno liquido”?
 
Il momento più intenso del fenomeno riguarda il breve intervallo tra le stagioni umide e quelle secche. Tra settembre a novembre.
 
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Colombia, il Caño Cristales
Planisfero
Fotogallery