Il ritorno dello Sri Lanka: l'isola a sud dell'India è di moda più che mai
di Stefano Ardito
Il ritorno dello Sri Lanka: l'isola a sud dell'India è di moda più che mai
Anche Sri Lanka ha la sua Machu Picchu. Si chiama Sigiriya, è una rupe di granito alta duecento metri, domina a perdita d’occhio la giungla. Vista di profilo sembra un leone, l’animale-simbolo della grande isola a sud dell’India. 
 
 

Esplorata a partire dal 1890 da archeologi diventati acrobati, Sigiriya è oggi attrezzata con scale ripide ma sicure. Centinaia di turisti, ogni giorno, salgono verso il panorama della cima, ammirando pagode e affreschi dipinti nel V secolo dopo Cristo. 

Nei dintorni, si visitano le grotte-santuario di Dambulla, dove un re di duemila anni fa ha fatto installare centinaia di statue del Buddha. A Kandy, l’antica capitale, i viaggiatori stranieri incontrano i pellegrini locali nel Tempio del Dente, uno dei luoghi più sacri del buddhismo.

L’abbondanza di turisti che arrivano da ogni parte del mondo dimostra che l’isola delle spezie è tornata sul mercato. Dieci anni dopo la fine della guerra civile, quattordici dopo lo tsunami del 2004, lo Sri Lanka è ridiventato una meta alla moda. Per chi s’interessa alla gente e alla sua cultura, si tratta di una meta magnifica.

Nella capitale Colombo e sulla costa, la convivenza tra le fedi (il Buddhismo, l’Induismo dei Tamil, il Cristianesimo portato dai coloni portoghesi, l’Islam) è uno dei segni caratteristici di Sri Lanka. Il cuore dell’isola, invece, è quasi esclusivamente buddhista.

Molti turisti arrivati da lontano, soprattutto quando in Europa fa freddo, soggiornano sulle spiagge del Sud e dell’Est dell’isola. Dal porticciolo di Mirissa si parte per osservare le balene. Barche più piccole accompagnano per le immersioni e lo snorkeling. Le tartarughe marine depongono le uova sulle spiagge. 
La natura tropicale affascina anche in terraferma. Nei parchi nazionali di Minniriya e di Yala i fuoristrada accompagnano a fotografare e osservare elefanti, cervi e orsi. Nelle risaie, fuori dalle aree protette, sostano uccelli acquatici rari. 

Natura, cultura e lavoro s’incontrano tra Nuwara Eliya ed Ella, sulle montagne più alte di Sri Lanka. Qui la sera fa fresco, i torrenti precipitano con cascate impetuose, in molte zone le foreste sono state sostituite da piantagioni di tè. 

Accanto ai templi e ai giardini botanici di Hakgala, si visitano le fabbriche di tè costruite più di un secolo fa dagli inglesi, e che continuano a essiccare, far fermentare, selezionare, pulire e confezionare il loro tè. 
Alla fine del tour, tra la degustazione e una sosta per gli acquisti, si impara a distinguere i vari tè. L’English Breakfast Tea, il più forte, dev’essere addolcito con il latte. Il Pekoe e l’Orange Pekoe sono più profumati. Con il White Tea, il prezioso tè bianco, dalle montagne di Sri Lanka si sale direttamente in paradiso.
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Il ritorno dello Sri Lanka: l'isola a sud dell'India è di moda più che mai
Planisfero
Fotogallery