Stonehenge, spuntano nuovi megaliti in Spagna: hanno 4mila anni e servivano per osservare gli astri
Stonehenge, siccità fa emergere nuovi megaliti in Spagna: hanno 4mila anni e servivano per osservare gli astri
Una serie di megaliti molto simili a quelli di Stonehenge è apparsa quest'estate in Spagna a causa della siccità del bacino idrico di Valdecañas, sul fiume Tago. Si tratta di un dolmen, risalente a circa 4mila anni fa, scoperto grazie alle immagini di un satellite della Nasa. La Stonehenge spagnola è composta da un cerchio di 140 rocce, disposte sia in orizzontale che in verticale, che non era possibile vedere prima perché sommerso dall'acqua. 

LEGGI ANCHE Stonehenge: uno studio rivela le origini dei misteriosi megaliti
 


Gli esperti hanno cominciato a studiare il dolmen, ipotizzando che fosse utilizzato sia come luogo di sepoltura, che come punto di osservazione degli astri. La posizione del dolmen era nota fin dagli anni '20, poiché di tanto in tanto era possibile vederlo affiorare dall'acqua. Ma la straordinaria siccità di questa estate ha completamente "scoperto" i megaliti, che ora preoccupano gli studiosi, impegnati a capire come conservarli al meglio. L’Associazione Culturale Radici di Peraleda ha proposto lo spostamento dei megaliti, ma gli esperti non sono tutti d'accordo: la "posizione" del dolmen sarebbe infatti fondamentale per comprenderne al meglio la storia e il suo scopo.
 
 
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
Migliaia a Stonehenge per il solstizio d'estate, alba spettacolare tra i megaliti
Planisfero
Fotogallery