​Le 5 cose che hanno cambiato i viaggi nel decennio che fugge
di Mauro Evangelisti
​Le 5 cose che hanno cambiato i viaggi nel decennio che fugge
Facciamo finta di nulla, ma un altro decennio fugge. Gli anni Dieci hanno cambiato il nostro modo di viaggiare. Ecco dal 2010 ad oggi le 5 innovazioni, piccoli o grandi, che hanno mutato la nostra vita da turisti.

1. Google Maps. Un tempo ci perdevamo con mappe stropicciate, oggi affidiamo i nostri percorsi a piedi o con i mezzi pubblici alla tavoletta da rabdomante: lo smartphone con Google Maps.

2. Il roaming. Collegato direttamente al numero 1, il roaming gratuito ci ha reso più simpatica l’Unione europea. E quando andiamo in un altro continente corriamo ad acquistare una sim locale.

3. Guide e recensioni online. La Lonely Planet ha ancora fascino, ma tra monumenti e ristoranti spesso ci affidiamo al solito smartphone.

4. Voli low cost. Sì, certo, la rivoluzione è cominciata molto prima, alla fine del millennio scorso. Ma il modello a basso costo si è poi diffuso anche oltre i confini delle varie Ryan o Easy, ha contagiato le compagnie tradizionali che ci fanno pagare bagagli, pasti o scelta del posto.

5. Boarding pass virtuale. C’è stato un tempo in cui eravamo terrorizzati dall’idea di perdere il biglietto. Oggi c’è un codice e, dopo il check in on line, la boarding pass elettronica. E siamo terrorizzati dall’idea che si scarichi la batteria dello smartphone. 
 
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
L'aeroporto di Fiumicino è il migliore in Europa
Planisfero
Fotogallery